Print Friendly, PDF & Email

 

 

pellegriniSuper Pellegrini: vittoria con record «La passione mi spinge a continuare» Adesso la vediamo bellissima e in forma, ma per la campionessa di nuoto Federica Pellegrini non e‟ sempre stato così. Da adolescente infatti, Federica ha dovuto fare i conti con la bulimia, un disturbo alimentare comune a molte ragazze ancora oggi. Ora Federica, grazie ad alcuni specialisti, ha sconfitto la bulimia e sta bene con se stessa e con il suo corpo. “Ho imparato-commenta la Pellegrini- che sono state le crisi più nere a illuminarmi la vita. Mi hanno insegnato che di fronte alle traversie bisogna reagire.”E così ha fatto anche in seguito alla morte improvvisa, 12 Ottobre 2009, del suo allenatore Alberto Castagnetti. A un mese dalla scomparsa del ct della nazionale di nuoto, la federazione ha deciso di garantire la continuità del lavoro svolto dall‟allenatore scomparso, dando a Morini il ruolo di responsabile tecnico del centro federale di Verona. E seguirà naturalmente anche Federica Pellegrini, atleta di punta allenata da Castagnetti, che dopo la morte improvvisa del suo tecnico, aveva chiesto proprio che fosse Morini a prendere le redini di Verona La nuotatrice dopo la morte di Castagnetti aveva meditato di cessare l‟attività agonistica. «Ho avuto un momento – ha sempre dichiarato a Viareggio – in cui me lo sono chiesta, poi la passione per questo sport mi ha spinto a continuare ed ora, anche per lui, cercherò di ottenere nuovi risultati». Ora l‟obiettivo di Federica Pellegrini sono gli Europei di nuoto in vasca corta in programma a Istanbul il mese prossimo.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail