Print Friendly, PDF & Email

Nuova esperienza per la squadra di calcio “Percorsi”, che ha partecipato all’undicesima edizione della Rassegna nazionale “Matti per il calcio”, organizzata dalla UISP nazionale, tenutasi dal 21 al 23 settembre 2017 a Montecatini terme (PT), rappresentando quindi la UISP Abruzzo-Molise. Sono scese in campo 16 squadre di calcio a 7 formate da persone con disturbo mentale, operatori, medici dei Centri e dei  Dipartimenti di Salute Mentale di tutta Italia,  nonché delle Associazioni e polisportive che quotidianamente operano nel campo dellariabilitazione psichiatrica. Oltre 300 personein tutto che sono confrontate in una location di tutto rispetto, lo stadio Daniele Mariotti diMontecatini Terme. La squadra della “Percorsi” si è allenata regolarmente per farsi trovare pronta, intensificando gli allenamenti nell’ultimo mese alternando  sedute tattiche, realizza-Manifestazione Sportiva  presso il Centro Sportivo Trisi di Montesilvano, a sedute atletiche, realizzate presso la spiaggia libera del medesimo Comune. “Un evento che ospitiamo con grande soddisfazione e anche senso di responsabilità per il secondo anno consecutivo – ha detto in conferenza stampa il sindaco di Montecatini Giuseppe Bellandi – ricordo l’atmosfera di grande partecipazione dello scorso anno e auspico di ritrovare lo stesso sano entusiasmo da giovedì”. Un entusiasmofatto proprio anche dall’assessore Helga Bracali. “Si gioca per vincere certo,
ma per trova re soprattutto spazi di aggregazione e inclusione. Montecatini è onorata di poter ospitare
come già nel 2016 una rassegna così ben pensata e dal titolo forte ma che racconta tutto di  L’operatore, motivato e opportunamente formato in riabilitazione psichiatrica, forte del rapporto uno ad uno, instaura una relazione stabile e di fiducia con l’utente, in modo da farlo uscire dal suo isolamento. L’operatore solleva dall’abbandono anchela famiglia, che partecipa alla programmazione, collaborando nel percorso di crescita e di autonomia intrapreso dal congiunto. FINALITA’ DELL’ARTIS Miglioramento clinico e psicologico dei pazienti, acquisizione della più alta autostorie non facili che tramite il calcio possono cambiare in meglio”. Quali sono le novità di questa edizione? “Sostanzialmente  diceAlessandro Baldi, Responsabile Nazionale Calcio UISP – La prima è nella formula che permette nella giornata finale di sabato 23 settembre di avere in campo un gran numero di squadre, con partite molto brevi, di circa venti minuti ciascuna. In questo modo tutte le persone hanno modo di conoscersi e di socializzare. La seconda è che sempre di più queste squadre sono inserite durante tutto l’anno nelle attività territoriali del calcio amatoriale Uisp e sono portabandiera di comunità e valori cittadini. Questo significa integrazione: non sono più un fenomeno circoscritto e un po’ nascosto, da guardare con curiosità. Sono pezzi riconoscibili di un calcio sociale che è ben radicato in tutta Italia”.Qual è l’obiettivo?
“Mettere in fuorigioco  discriminazione e pregiudizio  dice Vincenzo Manco, Presidente Nazionale UISP ovvero contribuire a favorire l’integrazione e vincere l’isolamento, attraverso un torneo che è il punto di arrivo di progetti e interventi che la Uisp promuove con continuità a livello territoriale ormai da circa trent’anni”.Per quanto riguarda il calcio giocato la “Percorsi”, alla sua seconda partecipazione in questo torneo, ha raggiunto un buon 7° posto, classificandosi seconda nel proprio girone eliminatorio e confrontandosi con diverse squadre delle varie regioni d’Italia. Di seguito le altre squadre che hanno partecipato al torneo: Fuori di pallone (Torino); Va’ Pensiero,  (Parma); Global Sport Lario (Como); ASD
na ragione in più (Oristano); Araba felice/Il  tulipano (Rovigo/Verona); UISPIblei Cafeo (Ragusa); Centro Serapide (Pozzuoli Zona flegrea); Insieme  per sport (Genova); ASD Fuori di testa (Fabriano); Girasole calcio (Bergamo); Strada facendo (Crotone); Delfini dello Jonio (Taranto); Bullocks in Fuorigioco  (Perugia); Real…Mente (Roma). Il  bomber della squadra, Pasquale, racconta: Ciao ragazzi, oggi vi voglio parlare di questi sette anni passati giocando partite amichevoli e vari tornei con la mia squadra di calcio chiamata “Percorsi”. Noi ragazzi ci alleniamo tutte le settimane, cosa che mi fa molto
piacere perché rappresenta un motivo per stare tutti insieme, giocare a calcetto e divertirsi, non pensare ai problemi e impegnando il tempo in maniera positiva. Io sono stato il capocannoniere della squadra per 6 – 7 anni fino a quando mi hanno superato un paio di miei amici, però ce la metterò tutta per tornare in cima alla classifica capocannonieri. Mi ricordo il mio primo torneo, nella prima partita perdemmo 10 a 2, io siglai una doppietta: due bei goal! Poi con il tempo arrivarono altre partite, negli ultimi anni ci siamo sempre più potenziati e rinforzati con l’arrivo di diversi ragazzi diventando un bellissimo gruppo, dentro e fuori dal campo. Un importante traguardo per la squadra stata la partecipazione al torneo MATTI PER IL CALCIO 2017 tenutosi a Montecatini Terme, Toscana: siamo arrivati settimi su sedici squadre. Se un giorno calcetto finirà, se finiranno gli
allenamenti e i tornei, ci rimarrei veramente male, perché oramai il calcetto e la compagnia dei miei amici fanno parte di un bel pezzo della mia vita.

 

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail