Print Friendly, PDF & Email

TEATROEsercizi di contatto: entrare in rapporto col compagno o la compagna attraverso:Il tocco – e senti il calore o il cuore o la freddezza della persona Sentire la guancia: e come era bello accarezzare ed essere accarezzata Sentire guancia a guancia la bellezza dei miei compagni E poi, sentire il calore, l’affetto dei compagni proprio col corpo. E, poi sentire il proprio corpo che si risveglia dal torpore: continua il discorso iniziato proprio con Alessandro Salerno e Roberto Mazzini e Cam Lecce.Esercizi in cui sviluppi una sensazione di calore e di benessere. E, poi, esercizi per cercare il compagno o la compagna:io ero β , come alcuni di noi, gli altri erano α.. Ci eravamo cercati e trovati. Ho una amicizia profonda con Ruggero, un ragazzo del gruppo e un clown con i bambini. Un volontario del Movimento di Patch Adams, una cosa bellissima! Chissà sediventerà il mio “lui”?Intanto come amico è molto accogliente. Una brava persona. Poi esercizi, che dovremo finire, di monologo .Era rimasta dall’altra volta la mia amica naturalista che lo doveva fare, è stato bello. La “fortuna” di essersi ammalati tanti anni fa, poiché non potevo “creare”, mi ha portato a sperimentare concretamente l’espressione, il corpo, la “creazione” del mio io. Di dire in faccia al mondo che cos’è l’arte per me: essenzialmente creare più che mostrare. Creare con tutto. Adesso sto facendo sperimenti con la plastilina e col PC. Colla plastilina colorata ho fatto delle sculture che rappresentano il “cavallo nella mitologia” e anche il “puledro che gioca e si rotola nella sabbia e sull’erba.”.Col PC sono arrivata a “dissacrare la forma del gioco “Nintendo”, poiché, forse, voglio dire che non si può creare e giocare tutti allo stesso modo: la personalità dove la metti? Ben venga la dissacrazione della forma col colore o col PC. Faccio una creazione del tipo Andy Warhol oppure Archigraam: che c’è di male? Creo distruggendo la convenzione. E meno male se no sarei morta! Morta della mancanza dell’elemento libero della creatività: MALATTIA. Ma la MALATTIA si vince

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail